Sei qui
Home > Proverbi > Proverbi Siciliani

Proverbi Siciliani

Sicilia, isola di poeti e terra meravigliosa come meravigliosi sono anche i proverbi siciliani. Dante ha riconosciuto la sua bellezza e il linguaggio della Sicilia (spesso ma ingiustamente definito “dialetto” italiano) una miscela unica di elementi greci, latini, aragonesi, arabi, longobardi e normanno-francesi. Questa lingua italica può essere considerata una distinta lingua romana, ma mentre la sua prosa è bella, la siciliana è raramente scritta. Le frasi siciliane sono molto simili al calabrese e condivide alcuni elementi con il maltese. Nonostante i tentativi del governo nazionale di sopprimerlo dopo il 1860, il siciliano rimase la lingua nativa della maggior parte dei siciliani fino al ventesimo secolo. Nei tempi normanesi, i documenti ufficiali sono stati rilasciati in greco, latino, arabo e, molto raramente, in francese normanno. I proverbi siciliani sono l’anima del popolo, esprimono una vecchia saggezza attraverso poche semplici frasi. Qui una raccolta di alcuni detti siciliani di uso comune con il loro reale significato.

A bon vasceddu nun manca timuni.
A un buon vascello non manca il timone.

Sìnnucu picciottu, paisi arruvinato.
Sindaco giovane, paese rovinato.

Bisogna munciri la pecura senza farila gridari.
Bisogna mungere la pecora senza farla gridare.

Giustamenti lu saggiu addunca dissi Parrami prima acciò ti canuscissi.
Giustamente dunque il saggio disse: Parlami prima perché io ti conosca.

‘O cacatu ‘u culu cci feti.
A chi se l’è fatta addosso, puzza il sedere.

I chiacchiri su’ chiacchiri, ma ‘a putiara voli i picciuli.
Le chiacchiere sono chiacchere, ma la bottegaia vuole i soldi.

Guai a cui strudi la farina, e sparagna la canigghia.
Guai a chi spreca la farina e risparmia la crusca.

Fai bene e scordalu, fai male e pensaci.
Se fai bene, dimenticatene; se fai male, pensaci.

‘Mbriachi e picciriddi, ‘u Signuri aiuta.
Ubriachi e bambini, il Signore li aiuta.

Cu’ scecchi caccia e fimmini criri, facci di pararisu nun ni viri.
Chi guida somari e crede alle donne, non vede faccia di paradiso.

Bisogna travagghiari comu si mai si murissi, e pinsari sempri chi s’avi a muriri.
Bisogna lavorare come se non si morisse mai e pensare sempre che si deve morire.

Mariuolu e viulinu, ti diverti a lu matinu.
Ladro e violino, ti diverti al mattino.

Cu mangia fa muddichi.
Chi mangia fa briciole.

Ammatula ca t’allisci e fai cannola, ‘u santu è di mammuru e nun sura.
Inutile che ti imbelletti e ti fai i boccoli ai capelli, il santo è di marmo e non suda.

Quannu l’amicu nun parra a prima vuci, voddiri ca ‘u riscussu nun ci piaci.
Quando l’amico non risponde a prima voce, significa che il discorso non gli piace.

Bona parola è menzu pagamentu.
Buona parola è mezzo pagamento.

Cu’ fa ligna a mala banna, ‘a sciri ‘nconddu.
Chi fa la legna in un brutto posto, deve portarla fuori a spalla.

Cu’ si cucca ‘cche picciriddi, ‘a mattina si susi pisciatu.
Chi va a letto con i bambini, al mattino si alza pisciato.

Quannu ‘u diavulu t’accarizza, voli l’arma.
Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima.

Beatu chiddu oceddu, chi fa lu nidu a lo so paisi.
Beato quell’uccello che fa il nido al suo paese.

Bisogna masticari amaru, cui voli a tempu agghiuttiri duci.
Bisogna che mastichi amaro chi vuole a suo tempo inghiottire dolce.

Nun su’ li donni chi nun gustanu, su’ li dinari chi nun bastanu.
Non sono le donne che non piacciono[24], sono i soldi che non bastano.

Se canta cùcchiti e se nun canta strìchiti.
Se (la fortuna) canta, va’ pure a dormire; se non canta (non ti è favorevole) puoi rotolarti per terra.

Ci dissi ‘u papici ‘a nuci: dammi tempu ca ti pèrciu.
Disse il bruco alla noce: dammi tempo che ti perforo.

Supra ‘o vagnatu, cci chiovi.
Sul bagnato, piove.

Fimmina senza amuri è rosa senza oduri.
Donna senza amore è una rosa senza odore.

Ricchizza fa superbia, superbia povertà.
La ricchezza genera la superbia, la superbia la povertà.

La Bucca è un aneddu, ma capi quantu ‘na navi ed un vasceddu.
La bocca è come un anello, ma contiene quanto una nave ed un vascello.

Beatu cui pri autru si castiga.
Beato chi attraverso gli altri si castiga.
Chi impara dagli errori altrui.

Chianta la vigna unni teni la vutti.
Pianta la vigna dove tieni le botti.

Dui sunnu li putenti, cui tantu avi e cui nun avi nenti.
Due sono i potenti, chi ha tanto e chi non ha niente.

Vali chiu un corpu di mastru, chi dui di manuali.
Vale più un colpo di maestro, che due di manovali.

Unni ci su campani, ci su bbuttani.
Dove ci sono campane, ci sono puttane.

Doppu l’avaru veni lu sfragaru.
Dopo l’avaro viene lo scialacquatore.

Voi chi na cosa nun si saccia? né si dica né si faccia.
Vuoi che una cosa non si sappia? né si dica né si faccia.

Cu’ ha lingua passa ‘u mari.
Chi ha lingua, passa il mare.

Bucca amara, feli jetta.
Bocca amara getta fiele.

Soni e canzuni su’ comu lu ventu, Lu tavirnaru voli li dinari.
Suoni e canzoni sono come il vento, l’oste vuole i soldi.

Multi so’ signuri di citati, e su schiavi di li donni.
Molti sono signori di città e sono schiavi delle donne.

‘U voi ci dici curnutu ‘o sceccu.
Il bue dice cornuto all’asino.

Ti dissi lèviti, e ancora batti a cura.
Ti ho detto togliti di torno [al cane], e ancora batti la coda.

L’omu è comu lu mari: S’ ‘un porta oi porta dumani.
L’uomo è come il mare: se non porta oggi porta domani.

Ognunu è patruni di pulizziarisi ‘u culu c’un corpu di lupara.
Ognuno è padrone di pulirsi il sedere con un colpo di lupara.

Voi campari, lascia campari
Vuoi vivere (?), lascia vivere.
Vivi e lascia vivere.

È avvezzu lu lupu a li gridati.
Il lupo è avvezzo alle grida.
Il malfattore è insensibile ad ammonimenti e minacce.

È megghiu sapiri picca, chi parrari assai.
È meglio sapere poco che parlare assai.

Zoccu fa la matri a lu cufularu, fa la figghia a lu munnizzaru.
Ciò che fa la madre al focolare, fa la figlia all’immondezzaio.

Guaina nun fa bona lama.
Il fodero non fa una buona lama.

Morsi ‘u figghiozzu, finìu ‘u cumparatu.
Morto il figlioccio, finito il comparatico.

Vinu meli finu, pri cui nun lu sa biviri è vilenu.
Vino miele fino, per chi non lo sa bere è veleno.

L’asinu porta la pagghia, e l’asinu si la mancia.
L’asino porta la paglia, e l’asino se la mangia.

Cu’ futti futti, Diu pirduna a tutti.
Chi frega frega, Dio perdona tutti.

Càliti juncu ca passa la china.
Incurvati giunco che passa la piena.

Guarda lu mari e teniti a la terra.
Guarda il mare e tieniti (saldo) alla terra.

Amicu ca m’a datu la castagna, ora m’a ddari ‘u sucu di la vigna.
Amico che mi hai dato le castagne, ora devi darmi il sugo della vigna.

‘U sceccu ‘a potta, ‘u sceccu sa mangia.
L’asino la porta, l’asino se la mangia.

Picciotti e muli vonu stari suli.
Giovani e muli vogliono stare soli.

Bucca amara, tenila cara.
Bocca amara, tienitela buona, temila.

Mettiti megghiu ‘i tia e ammaccici i spisi.
Mettiti con quelli migliori di te e fanne le spese.

Di ‘na spina nni nasci ‘na rosa, E di ‘na rosa nni nasci ‘na spina.
Da una spina nasce una rosa, da una rosa nasce una spina.
Da una cattiva madre nasce una buona figlia, da una buona madre nasce una cattiva figlia.

È megghiu testa di lucerta, chi cuda di scursuni.
È meglio testa di lucertola che coda di serpe.

Unu pecca, e in tronu è missu, L’autru pecca, è crucifissu.
Uno pecca ed è messo in trono, l’altro pecca, è crocifisso.

Megghiu pugna all’occhi, chi sgracchi a lu capizzu.
Meglio pugni agli occhi che scaracchi al capezzale.
Val meglio un marito giovane che anche la faccia a pugni, anzichè un vecchio catarroso e cagionevole che tossisca e sputi.

Occhi ch’aviti fattu chianciri, chianciti.
Occhi che avete fatto piangere, (anche voi) piangete.

Ricchizzi e sanitati, – Criditinni mitati, Si menu nni criditi – Megghiu faciti.
Ricchezze e salute, – credetene la metà, se meno ne credete – meglio fate.

Geniu fa biddizza.
Il gusto, l’inclinazione fa (la) bellezza.

Nè ciuri senza oduri, nè sabbato senza suli, nè fimmina senza amuri.
Né fiore senza odore, né sabato senza sole, né donna senza amore.

Li suldati fanno la guerra e s’ammazzanu, e li re s’abbrazzanu.
I soldati fanno la guerra e si ammazzano, e i re si abbracciano.

‘A quattara ca va all’acqua, o si rumpi o si ciacca.
La brocca che va a prendere l’acqua, o si rompe o si spacca.

Lu munnu ‘un s’ha persu mai pi fimmini, ma pi dinari.
Il mondo non si è mai perso per le donne, ma per i soldi.

Gatta di firraru s’addurmenta a sonu di marteddu.
Gatta di fabbro si addormenta a suono di martello.Non destano alcuna emozione le cose cui si è abituati.

Cu’ avi mala donna pri cumpagna, Avi lu priatoriu a stu munnu.
Chi ha una cattiva donna per compagna, ha il purgatorio (già) in questo mondo.

È megghiu testa d’asinu, chi cuda di liuni.
È meglio testa d’asino che coda di leone.

Lu vicinu è sirpenti, si nun ti vidi ti senti.
IL vicino è serpente, se non ti vede ti sente.

Biddizza senza grazia è comu l’isca senz’ami.
Bellezza senza grazia è come l’esca senza ami.

Voi tu sapiri cu nun avi corna, Cui s’affaccia a lu soli, e nun fa umbra.
Vuoi sapere chi non ha le corna?, chi s’affaccia al sole e non fa ombra.

Lu muttu anticu, È lu Vanceliu nicu.
Il motto antico è il piccolo Vangelo.

Tri sunu li putenti: ‘u papa, ‘u re e cu nun avi nenti.
Tre sono i potenti: il papa, il re e chi non possiede niente.

Sunaturi di chitarra e piscaturi di cimetta, miatu la casa ca l’aspetta.
Suonatore di chitarra e pescatore con la lenza, disgraziata quella casa che li aspetta.

È mala cosa truzzari la petra.
È cosa cattiva (sconsiderata, dannosa) cozzare contro la pietra.

L’omminu pp’a parola, ‘u voi pp’e corna.
L’uomo per la parola, il bue per le corna.

Lascia un commento

Top